Indagato Matteo Renzi dovrà difendersi dall’accusa di danno erariale , il 24 Settembre dovrà comparire davanti ai giudici di Firenze

La Corte dei Conti gli imputa un danno erariale di 816mila euro: Dirigenti della provincia collocati in aspettativa e poi assunti come esterni.

In Provincia, a Firenze, quando era presidente, ha voluto 4 direttori generali invece di uno. E li avrebbe pagati (tanto) come manager privati, invece che come dirigenti pubblici.

Perciò ora, Matteo Renzi deve convincere la Corte dei Conti di non aver causato un danno erariale milionario all’ente. Il 24 settembre, alle 10,30 il premier dovrà presentarsi in udienza, a Firenze, davanti alla magistratura contabile. E spiegare perché, durante il suo mandato, siano stati assunti come direttori ben pagati alcuni dipendenti in aspettativa della Provincia. Tanto più che alcuni di loro avrebbero continuato a esercitare le stesse funzioni svolte da impiegati pubblici ma con retribuzioni molto più alte.

Secondo la magistratura contabile, in poco più di due anni e mezzo – dal 1° gennaio 2007 al 31 luglio 2009 – queste assunzioni potrebbero aver causato un danno erariale superiore a oltre 816mila euro, come cifra massima. Uno “spreco” di denaro pubblico – osserva la sezione giurisdizionale toscana della Corte dei Conti – dal quale, a priori, non si possono escludere le responsabilità della politica.

Da qui «l’intervento in giudizio di Renzi» in qualità di presidente pro tempore della Provincia e del suo ex assessore al personale, Tiziano Lepri, oltre al dirigente dei servizi finanziari dell’ente, Rocco Conte.

Lo “zampino” anche in questa vicenda ce l’ha messo ancora una volta Alessandro Maiorano, infatti la questione “assunzioni dirette” venne da lui segnalata alle autorità nel 2012, attraverso un esposto indirizzato alla Corte dei Conti e al MEF di Roma (tramite il Dott. Stefano Bisogno)in cui si chiedeva agli inquirenti di fare chiarezza sul caso.

Nella risposta del MEF all’esposto, si parla di “gravi anomalie nella costituzione del fondo per lo sviluppo delle risorse umane e produttività del personale non dirigente” e ancora: “illegittimo inserimento di risorse aggiuntive di bilancio in assenza di una norma contrattuale nazionale di riferimento..”

Leggi l’intero documento di risposta del MEF.

  • Lucia

    IN GALERA!!!