VENEZIA – «Che bel segreto di Pulcinella. E mica l’ho fatto una volta sola, di chiedere un intervento a Giovanni Mazzacurati e al Consorzio Venezia Nuova». Lo afferma l’ex sindaco di Venezia Massimo Cacciari al Corriere della Sera. Alla domanda se quelli del Mose non erano i suoi nemici, Cacciari replica: «Ma che discorso è? Se ho bisogno di chiedere aiuto per un’impresa che sta fallendo da chi si vuole che vada, dal mendicante di Rialto? Sono cose ufficiali, le mie».

«Tutto – aggiunge, – per quel che mi ricordo. Ho scritto a Mazzacurati, ad altre associazioni cittadine, ho chiesto aiuti anche all’ Eni, con cui baruffavo un giorno sì e l’altro pure per via di Porto Marghera». «Sicuramente – ricorda – nel 1996 chiesi in modo del tutto trasparente a Mazzacurati di aiutarmi a ricordare come si deve l’alluvione di trent’anni prima». Ma lui, spiega Cacciari, non ha «mai cacciato una lira, a mia memoria. E non ci vuole molto a capire perché. Non aveva interesse a farlo». «Sento odore di ridicolaggine – afferma ancora – e di piccole vendette personali da parte dei meschini di sinistra. Come si fa a dare retta a simili boiate?».

  • Tonino Basile

    A caccià…. magari se chiedevi soldi per le famiglie che sono allo stremo forse saresti stato più apprezzato….!?!?
    saluti a 5stelle
    tonino basile – roma