Firenze, impiegato comunale: “Renzi e Boschi si incontravano in via Alfani”

Share Button
Matteo Renzi e Maria Elena Boschi

Matteo Renzi e il ministro Maria Elena Boschi

Torna all’attacco Alessandro Maiorano, storico accusatore del premier e impiegato del comune di Firenze.

L’impiegato più anziano del comune (in termini di servizio) torna ad accusare Matteo Renzi e ci mette in mezzo questa volta anche il ministro Maria Elena Boschi.  Un post rilasciato sulla sua pagina facebook, farebbe intendere ad incontri “per parlare di politica” tra la ministra e il premier, che sempre secondo lo scritto si sarebbero svolti in Via degli Alfani 8 a Firenze. Via Degli Alfani 8, per la cronaca è l’indirizzo dell’appartamento fiorentino balzato recentemente alle cronache per lo “scandalo affitto”, che l’imprenditore Marco Carrai pagava all’allora sindaco della sua città Matteo Renzi.

Alessandro Maiorano

Alessandro Maiorano impiegato del comune di Firenze

Apparentemente nulla di così scandaloso nel favore di un amico che si presta a pagarti l’affitto di casa, ciò non fosse per il fatto che al tempo del generoso regalo, Renzi era il sindaco della città dove Carrai imprenditore correva per diversi appalti e nomine pubbliche.

Tornando ai fatti di oggi e alla frase che lo stesso Maiorano ha scritto sul suo profilo facebook: “Renzi e la boschi? Lo sa’ tutta Firenze che si incontravano in via alfani 8 a firenze ultimo piano vista tetti per parlare di politica, sarebbe l ora che alfonso signorini tirasse fuori dal cassetto quelle 4 fotografie no? Così tanto per fare“, si legge in aggiunta dell’esistenza di “4 fotografie”, che sempre secondo quanto affermato dal dipendente comunale sarebbero in possesso del giornalista di gossip Alfonso Signorini.

Insomma per il momento potrebbe trattarsi solo dell’ennesima provocazione da parte dell’impiegato fiorentino più inc….to della storia; rimaniamo comunque disponibili per qualsiasi ulteriore chiarimento o precisazione in merito alla questione.

maioboschi

Share Button
Source: Di Fabio Piras per Laretenonperdona.it

Segui laretenonperdona.it

Contatto:

laretenonperdona@gmail.com