Casa del Paradiso di Nardella di infoindipendente

(Video de “Il San Lorenzo“)

Ad indagare sull’acquisto della casa di Nardella in via del Paradiso, scende in campo anche Stefano Moretti dell’Osservatorio Antimafia di inchiesta della Regione Abruzzo.

 L’immobile farebbe parte di un complesso di strutture considerate di grande pregio storico-artistico, al momento della vendita prima al Frassineti (costruttore fiorentino) e da questi successivamente al Nardella risulterebbe essere gravato dal vincolo del Ministero dei Beni Culturali con diritto di prelazione in caso di vendita.

Stefano Moretti dell’Osservatorio Antimafia venuto in possesso delle carte fornite dal Maiorano, ha deciso di approfondire la questione e di presentare un esposto con verifica tecnica su un immobile valutabile ad una cifra di tre/quattro volte superiore a quella effettivamente pagata dal Nardella. In questa storia spuntano indirettamente i nomi di Marco Carrai, M.Elena Boschi e la Banca Etruria. Ultimo fatto estremamente oscuro è l’ipoteca, che viene emessa a carico di Frassinetti 4 giorni dopo la vendita dell’immobile (una volta che si è già liberato della proprietà pignorabile), lasciado così via libera a Nardella per un acquisto “pulito”.