Lo scrive su Il Giornale

“Video intervista a diciassette minori nati qui ma senza cittadinanza. Domanda: “Lo sai che non sei italiano?” Già arruolati i testimonial dello ius soli come legge umanitaria, e chi non la vuole è un razzista senza cuore.

Con un video sentimentale, vagamente in stile Veltroni, Repubblica – quotidiano in prima linea per fare passare la cittadinanza facile – mette in campo i bambini, dai sei anni in su ma non troppo, il più grande ne ha dodici. Serve a convincere più facilmente il lettore, facendo leva sull’istinto di protezione verso i piccoli.

L’operazione «ora parlano i bambini» è efficace (anche se copiata da un video virale fatto in Danimarca), ma sempre un po’ sospetta, specie se utilizzata per finalità politiche tirando in mezzo i bimbi delle elementari. Come si fa, infatti, a non provare subito simpatia per il seienne Ryan, nato a Milano da genitori marocchini, che tifa Inter, mangia gli spaghetti e da grande vuole fare il poliziotto perché così arresta i cattivi? O per l’undicenne Numayer, papà e mamma del Bangladesh, che vive a Roma ed è indeciso se in futuro diventare un «baskettaro» oppure uno scienziato? O per Ghizlan, otto anni, famiglia dal Marocco, che alla domanda «di che nazionalità sei» risponde «io sono abruzzese». Perché alla fine Repubblica fa la sorpresina, stavolta più in stile «Le Iene», e svela agli ignari minorenni marocchini, egiziani, etiopi, cinesi, che loro no, non hanno ancora la nazionalità italiana (lo diventeranno a 18 anni), anche se non sanno bene cosa voglia dire «nazionalità», e forse neppure gli interessa. Non importa, anzi meglio se ci restano male, così è più evidente quanto sia crudele negargliela.

Quando l’intervistatrice di Repubblica Tv li sobilla («Ma lo sapete che lo Stato italiano non vi riconosce ancora come italiani, fino a 18 anni?»), i piccoli la guardano abbastanza perplessi. E la domanda che si legge loro in volto più che altro è: ma cosa vorrà questa? Arriva subito l’autino per innescare la reazione desiderata, che poi sarebbe un bel pianto, anche se purtroppo non arriva: «Ti sentiresti più uguale agli altri?», se il Parlamento italiano modificasse la legge 91 del 1992, una questione che attanaglia i seienni intervistati. E loro, intuendo al volo che è quella la risposta esatta, confermano tutto. Il più lucido alla fine è il bambino del Bangladesh che dice «a me non importa come mi giudica lo Stato», un piccolo liberista.

A Repubblica piace vincere facile. Sei dei diciassette mini-testimonial (a loro insaputa) dello ius soli, finiscono con la foto in prima pagina, come nelle vecchie pubblicità della Benetton, quelle per un mondo dai tanti colori che si vogliono bene. Non è la prima volta che i piccoli vengono tirati in mezzo alla battaglia politica”.