FARIEATALY di infoindipendente

La ricercatrice in economia presso l’istituto di studi politici di Sciences Po a Parigi(e collaboratrice di Internazionale) Marta Fana ha ricordato a Farinetti i problemi che la sua azienda ha nella gestione dei rapporti con i lavoratori. Si tratta di notizie pubblicate sui giornali.

Ad esempio quella secondo cui i dipendenti di Eataly guadagnano meno di 1.500 euro al mese e hanno quasi tutti contratti a termine. Un problema al quale Farinetti aveva promesso (nel 2014) di mettere mano per almeno l’80% dei suoi lavoratori. Sempre nel 2014 Farinetti affermava di “aver fatto qualche errore” a proposito del precariato dei lavoratori dei Eataly. Era l’anno delle proteste dei dipendenti del punto vendita di Firenze (inaugurato a fine 2013) e della pubblicazione dell’inchiesta interna di Clash City Workers. Inchiesta che aveva rivelato al pubblico la realtà delle condizioni di lavoro dei dipendenti dell’azienda di Farinetti.