Marika Cassimatis
Marika Cassimatis

Marika Cassimatis sembra covare un odio viscerale nei confronti dei 5 Stelle, ai quali dopo la scomunica da Beppe Grillo ha deciso farla pagare.

Sul suo profilo facebook, la Cassimatis commentala la querela contro Di Maio: “Ecco…la giustizia fa il suo corso. Tra l’altro il fatto avvenne il 9 e il 10 giugno, a poche ore dall’inizio del silenzio elettorale e quindi impedendo nei fatti la smentita con pari risonanza mediatica. Prima o poi anche il M5s riuscira’ a capire che cosa e’ stato il Caso Genova e l’onda lunga delle sue ripercussioni”.

Luigi Di Maio è indagato per diffamazione dalla Procura di Genova, dopo la querela presentata da Marika Cassimatis. Oggetto del contenzioso alcune dichiarazioni rilasciate dal vicepresidente della Camera durante la campagna elettorale a Genova. “I cittadini apprezzano sempre quando una forza politica allontana chi si approfitta della stessa. Alcuni si fanno eleggere con questa e dopo poco passano al gruppo misto“, aveva detto il parlamentare campano.Evidentementecommenta Cassimatis il M5S, nella persona di Di Maio, non ha ancora capito cosa è successo a Genova. Sembrava tutto chiarito, anche Grillo alla fine aveva detto di non avere nulla da recriminare sulla mia persona. Ma Di Maio non ha capito niente“. Insiste la Cassimatis, “intervenendo alla vigilia del silenzio elettorale, non mi ha dato modo di ribattere. Quindi mi sento danneggiata dalle dichiarazioni di Di Maio. E’ bene che il Movimento 5 Stelle prenda atto di quello che è successo a Genova“.

Luigi Di Maio
Luigi Di Maio

Molto probabilmentesecondo il nostro parereè la Cassimatis stessa a non aver preso atto di ciò che le è realmente accaduto. Restano le motivazioni a sostegno della sua espulsione dal Movimento e soprattutto a causa dei suoi comportamenti ambigui, la Cassimatis all’interno dell’M5S non ispirava più fiducia in nessuno.